All posts tagged: Tinto Brass

Caligola di Tinto Brass: il tripudio dell’eccesso

“Un trionfo” , per dirla alla Totò, ma dell’eccesso, quel Caligola del 1979, per la regia di Tinto Brass. Riveduto e corretto (anzi a causa dei contenuti sarebbe meglio dire corrotto) nel 1984, in Io Caligola, questa controversa opera scaturita dalla collaborazione tra il regista e Bob Guccione di Penthouse, vanta un cast d’eccezione, per dirla da manuale. Malcom McDowell nei panni dello smodato imperatore che succede a Tiberio, a sua volta interpretato da uno smagliante ma devastato ad hoc Peter O’Toole, nonché la Gran Dame Helen Mirren tutt’altro che veccia muchacha, per scomodare stavolta Checco Zalone. L’attrice, all’epoca trentaquattrenne ed estremamente sensuale incarnava bene il ruolo della moglie complice degli eccessi di Caligola. A coronare questo tripudio di follie, violenze e fantasie sessuali tutt’altro che non realizzate, alle star internazionali facevano da coro alcuni tra i migliori attori e caratteristi italiani: Adriana Asti, Leopoldo Trieste, per citarne alcuni. La sceneggiatura di Gore Vidal prende vita in uno tsunami di sfrenatezze esasperate, che a tratti fanno scadere il film in una sorta di minestrone trash, …

L’erotismo spinto di Così fan tutte, di Tinto Brass

Dice un grande filosofo e sociologo, di nome Herbert Marcuse: ‘la differenza tra erotismo e pornografia è la differenza tra sesso celebratorio e sesso masturbativo’. Tinto Brass, è il più conosciuto tra i registi erotici della nostra Penisola. Dopo una serie di commedie incentrate sulla satira antiborghese, il Tinto nazionale, si dedicò alla scoperta del corpo femminile, in tutti i suoi sensi possibili. Dopo il successo (e lo scalpore) de ‘La chiave’, ad oggi il suo miglior film, i due mezzi fallimenti in ‘Capriccio’ e ‘Miranda’, e dopo il divertente ‘Paprika’, Brass rilegge in chiave erotica e moderna l’opera di Wolfgang Amadeus Mozart, ‘Così fan tutte’. Claudia Koll (che prima di diventare fan della Chiesa Cattolica, diveniva grazie a questa pellicola, discretamente famosa), è felicemente sposata con un uomo che la ama e la rispetta. Ma ciò non può bastare a soddisfare i suoi impulsi sessuali, e la donna si sente oppressa da questo desiderio incessante, finché non trova il modo di soddisfarlo senza nemmeno sentirsi in colpa nei confronti del marito: lo cornifica e …