Andreose e la sua “Voglia di libri”, un elegante affresco dell’editoria italiana

Dopo il successo di Uomini e libri (2015) Mario Andreose torna nelle librerie con Voglia di libri, un ritratto unico quanto personale dell’età dell’oro dell’industria editoriale, da lui vissuta in prima persona. Dall’alto dei suoi “sessant’anni d’incantato apprentissage”, come lui stesso definisce la lunga e inimitabile carriera di figure del calibro di Umberto Eco, Andreose ci accompagna con sublime raffinatezza in un mondo ormai dimenticato, che ci appare distante anni luce.

Borg McEnroe, dall’ace al doppio fallo il passo è breve

in Concorso al Festival del Cinema di Roma – di Emanuele Rauco

phpThumb_generated_thumbnail.jpeg

Il vero grande limite di Borg McEnroe è che non rende un buon servizio al tennis. Non ai due tennisti al centro del film di Janus Metz Pedersen, ma proprio allo sport, tra i più belli e densi filosoficamente (il documentario Love Means Zero o il memori Open di André Agassi lo dimostrano) e anche per questo tra i più difficili da rendere cinema, a meno che non ci si chiami Alfred Hitchcock (in Delitto per delitto).

Love means zero: eccellenza, impegno, sudore

in Concorso al Festival del Cinema di Roma – di Laura Caporusso

Love means zero 1 OutOut.jpg

All’età di ottantasei anni, l’allenatore di tennis Nick Bollettieri decide di “mettersi a nudo” parlando della sua carriera e della sua accademia sportiva, che tra le sue stelle annovera nomi quali Courier, Seles, Agassi.