Tag: roma

Bangkok di Gursky per la prima volta a Roma

di Anna D’Elia

Oval-1replace.jpg

Secondo le categorie aristoteliche esistono un tempo della fisica, ordinario, della quotidianità in cui nulla accade e un tempo dell’incontro, in cui si realizza una frattura del nostro rapporto con la realtà come rappresentazione statica del mondo, fatta di ricorrenze costanti, uguale a sé stessa, l’ovvietà.  Continue reading “Bangkok di Gursky per la prima volta a Roma”

Ciao Lando, buon viaggio.

di Claudio Miani

lando fiorini.jpg

Ci ha salutato. Semplicemente, come semplicemente era arrivato dai Mercati Generali, quelli che non ci sono più per volere dell’edilizia. Roma è cambiata, mutata, ridisegnata da giunte, storie, poteri, politica. Roma è cambiata nelle sue storie e sfumature, nel suo andare verso quel progresso che ci raccontava già Claudio Villa: Oggi er modernismo, der novecentismo, rinnovanno tutto va, e l’usanze antiche e semplici so ricordi che sparischeno. E tu, Roma mia, senza nostargia, segui la modernità, fai la progressista, l’universalista, dici okay, hallo, thank you, ja ja… Continue reading “Ciao Lando, buon viaggio.”

Dal Settecento ad oggi. Il Grand Tour di Google

Schermata-2017-12-04-alle-10.40.31-1200x503.png

Aristocratici e alto borghesi nel Settecento facevano un viaggio. Dalla Francia, Inghilterra, Germania, Olanda venivano in Italia a scoprire l’arte della Penisola. Grand Tour, così è passato alla storia, un pellegrinaggio di formazione culturale riservato a una precisa classe europea (ma anche statunitense) Continue reading “Dal Settecento ad oggi. Il Grand Tour di Google”

Apre il Musia, tra arte e tempo

Gli-spazi-di-Musia-kwJF--835x437@IlSole24Ore-Web.jpg

Musia, questo il nome del nuovo spazio che ha aperto le sue porte il primo dicembre a Roma. Una grande struttura voluta dall’imprenditore e collezionista Ovidio Jacorossi delimita circa mille metri quadrati e ospita vari ambienti divisi su tre piani. Continue reading “Apre il Musia, tra arte e tempo”

A tutto splatter!

XXXVII Edizone del Fantafestival – di Garbiella Zullo

l'insonne.jpg

Notte buia, niente stelle scriveva Stephen King. Ed è l’incipit per descrivere l’atmosfera creata dalle proiezioni di ieri sera al Savoy. La prima è stata un corto del fumettista torinese Claudio Chiaverotti dal titolo, più che eloquente, I vampiri sognano le fate d’inverno? Continue reading “A tutto splatter!”

La mendicante di stato: L’esodo

di Laura Pozzi

L'esodo-outoutmagazine1.jpg

Esodato, termine tristemente noto, entrato prepotentemente nel nostro linguaggio comune dopo l’approvazione della scandalosa legge Fornero datata 2012. Una legge folle ed ingiusta che senza distinzione mise in ginocchio migliaia di italiani, portando alcuni di essi al suicidio. Ma di cosa trattava? Sì perché se è vero che l’esercito degli esodati era sulla bocca di tutti, è altrettanto vero che per molti non toccati direttamente dal problema, l’argomento si limitava ad una questione tra pensionati. Continue reading “La mendicante di stato: L’esodo”