La censura del politically correct: cos’è la cancel culture?

La “libertà di parola”, spesso sfruttata dal 45esimo presidente degli Stati Uniti per giustificare i contenuti alquanto discutibili dei suoi discorsi, lascia nell’America post Trump un clima di dissensi e confusione. Cos’è davvero la cancel culture di cui si sta tanto parlando?

Monsters and Men: una notte emblematica a Brooklyn

di Chiara Maciocci

2018-10-25 20.17.25.png

Presentato alla Festa del Cinema di Roma, Monsters and Men è il primo lungometraggio da regista del newyorkese Reinaldo Marcus Green; prendendo le mosse dall’uccisione, dopo una lite con le forze dell’ordine a Brooklyn, di un uomo di colore disarmato, il film si sviluppa in profondità a sviscerare i legami di una comunità unita e il suo destino di odio e violenza, sotto il filo conduttore dell’opposizione costante all’abusante polizia statunitense.

Politically correct: neanche i Simpson se la scampano dalle critiche!

di Cristina Cuccuru

Simpson Politically correct - outoutmagazine 1.jpg

Era il 1987 quando per la prima volta i bizzarri e molto gialli, membri della famiglia Simpson entrarono in tutte le case americane (solo tre anni dopo venne trasmesso anche in Italia)

Mudbound, ieri come oggi

Mudbound 1 OutOut.jpg

Ambientato nel sud degli Stati Uniti, negli anni della segregazione razziale, il film diretto da Dee Rees racconta le vicende di Jamie McAllan e Ronsel Jackson, entrambi reduci di guerra. Trovandosi a lavorare entrambi per una fattoria, i due ex soldati stringeranno un’amicizia che non verrà apprezzata dalle famiglie e dalla popolazione del Mississippi.