Tag: premio oscar

La claustrofobica ricerca di Polanski. Rosemary’s baby – nastro rosso a New York

Il sospetto di Rosemary Woodhouse è che suo marito, con la complicità dei suoi arzilli vicini di casa, abbia fatto un patto con il diavolo: dare suo figlio in cambio del successo e della ricchezza. Sarà vero? È forse uno dei migliori horror psicologici della storia del cinema; un mirabile esempio di suspense, paura, angoscia; un film di genere che ne trascende i limiti per virtù di stile.

rosemarys.jpg

Nel mostrare il regno del Male Polanski si affida ad una scrittura claustrofobica, sinuosa, quasi perfida ma mai sadica, mantenendo sempre una costante sobrietà nello stile e lucidità nella descrizione psicologica dei personaggi. Sceglie quasi sempre di mettere spavento usando la tecnica del “non mostrare”, iniettando così nello spettatore un’ansia che è frutto proprio dell’impossibilità di vedere cosa c’è al di là del visibile.

rosemarys2.jpg

Nella sesta pellicola di Roman Polanski il mistero è l’elemento principale. La verità è nascosta sino alla fine, utilizzando il celebre dilemma: follia o ragione? Mia Farrow è straordinaria nell’aderire al proprio personaggio: donna sola contro una miriade di difficoltà e ostilità. L’inquietante atmosfera creata dalla regia è un ammirevole esempio di orchestrazione dei contenuti. Avendo imparato la lezione di Hitchcock, il regista dosa ogni ingrediente: suspense, mistero, talento visivo e narrativo, con un gruppo di “cattivi” memorabile e impressionabile. È tipico di Polanski affidare la parte più minacciosa a una Ruth Gordon che si guadagnò anche un Oscar, esemplare vicina premurosa, forse troppo. Con il passare degli anni, Rosemary’s baby è divenuto un classico “film di mezzanotte”, non perdendo nulla in termini di efficacia visiva ed emotiva; anzi, guardando il panorama cinematografico “horror” degli ultimi anni, innesca un’imprevedibile vena di nostalgia.

Il capolavoro del Maestro Miyazaki: la città incantata

Traslocare può essere un’avventura, ma è certamente anche una seccatura. Figuriamoci poi per una bambina di dieci anni come Chihiro, costretta ad abbandonare la sua casa, la sua scuola, gli amici. E se calcoliamo anche che la piccola è una ragazzina piuttosto volubile e viziata, avremo un classico quadretto d’insofferenza infantile di difficile soluzione. A meno che Chihiro non sia costretta dagli avvenimenti a farsi forza e crescere, accettando i cambiamenti che la vita comporta e, addirittura, aiutando gli stessi adulti che la vedono solo come una mocciosetta. In viaggio verso la loro nuova casa, difatti, i suoi genitori sbagliano strada e finiscono per avventurarsi su un misterioso sentiero che culmina in un villaggio turistico apparentemente abbandonato.

la città incantata2.jpg

Ma, come si suol dire, l’apparenza inganna e la Città Incantata nella quale si trovano nasconde in realtà l’ingresso per un mondo pieno di spiriti e creature magiche, divisi tra avventori ed inservienti di uno stabilimento termale decisamente fuori dai canoni. Al fine di salvare i genitori, inconsapevolmente trasformatisi in maiali, e di riuscire a tornare nel mondo degli umani, Chihiro sarà costretta a rivedere il suo stile di vita e a lavorare sodo, rinunciando alle sue tipiche lamentele, ma non dimenticando mai chi è veramente…

Di tutta la produzione del grande Maestro Hayao Miyazaki, La Città Incantata è uno dei titoli più noti e premiati, anche in Occidente, dove l’accoglienza fu letteralmente trionfale, riservando per la prima volta ad un anime il Leone d’Oro e il Premio Oscar quale Miglior Film d’Animazione dell’anno. E meritatamente, aggiungeremmo.

la città incantata.jpg

Un film assolutamente miyazakiano nella tecnica e nelle tematiche, con una particolare attenzione alle questioni relative all’identità personale, al rapporto col prossimo, all’avidità e alla propria utilità nella società. Molte metafore sono assai sottili per il pubblico infantile a cui è rivolto il film, che è uno di quelli da vedere e rivedere nel corso della crescita, per afferrare sempre più i sottotesti che si nascondono sotto ad un’avventura a tratti horror in più punti anche discretamente (e ‘sanamente’) inquietante. Alternando alla sua sensibilità ricordi personali e spunti dal romanzo Il meraviglioso paese oltre la nebbia (scritto nel 1987 da Sachiko Kashiwaba) Miyazaki confeziona un autentico gioiellino ricco di mistero, avventura e atmosfera, popolato da personaggi surreali dai tratti caratteriali distintamente affrescati tramite una variopinta tavolozza.