La drammaticità mancata de Il vizio della speranza

di Valerio Serafini

ilviziodellasperanza.outoutmagazine.1.png

Il vizio della speranza, quinto lungometraggio del regista napoletano Edoardo De Angelis, racconta il momento in cui la vita di Maria subisce un improvviso cambiamento, il quale interessa direttamente non soltanto la direzione della vita di lei, ma anche il ritmo con cui questa si svolge, la cui aumentata velocità viene restituita abilmente dai movimenti della cinepresa, che braccano in un continuo avvicinamento alle spalle la protagonista. Continua a leggere “La drammaticità mancata de Il vizio della speranza”

Natale in casa Cupiello, il richiamo della festa

di Beatrice Andreani

Natale in casa Cupiello - outoutmagazine (3).jpg

Con Natale in Casa Cupiello parte il nostro conto alla rovescia verso le vacanze natalizie. Ogni giorno vi racconteremo una pellicola che a suo e nostro modo di vedere ha segnato la storia del Natale.

In scena per la prima volta il 21 dicembre del 1931 al teatro Kursaal di Napoli, Natale in casa Cupiello è una commedia in tre atti, poi trasposta due volte nel piccolo schermo: nel 1962 e nel 1977.

Continua a leggere “Natale in casa Cupiello, il richiamo della festa”

Una meraviglia senza coscienza. Il mare non bagna Napoli

di Mariele Gioia Papa

Thomas_Jones_-_Mur_à_Naples.jpg

Se c’è una cosa che a Napoli trova ampio spazio è questa: l’infinita gradazione dell’azzurro. Comincia, fragilissimo, all’alba, spandendo chiarore delicato sui tetti che si svegliano; continua, intenso, attorno al sole di mezzogiorno, sacro su una tovaglia d’altare, umilissimo nella trama di un grembiule da cucina, prezioso in un lembo di affresco antico; trema e brilla, come un sogno, in un paio d’occhi; culmina nel nero blu dei flutti che accoglie paziente ogni luce della sera, nel buio dei fondali che non ricevono alcuna luce. Ognuno qui ne possiede un po’, nell’oscurità come nello splendore, e Anna Maria Ortese, scrivendo questo libro, ne ha seguito le tracce. Continua a leggere “Una meraviglia senza coscienza. Il mare non bagna Napoli”

La Paranza dei bambini. Il movimento della nuova criminalità

di Quinto De Angelis

white paranza ouout.jpg

Nell’oscurità del giorno mentre tutti dormono, saltano tra i tetti dei giovani ragazzi diretti vero l’oscurità delle loro azioni. Tra i coppi mezzi rotti mettono i loro piedi, impavidi del pericolo che li aspettano. Le loro urla sono silenziate ai rumori della città e il loro movimento è illuminato dalle luci di mille discoteche e night club Continua a leggere “La Paranza dei bambini. Il movimento della nuova criminalità”