Tag: Letteratura

L’identità, un passo a due di equivoci

di Claudia Didio

Kundera.jpg

Ciascuno è libero di dissolvere la propria individualità nel pentolone della moltitudine provando o un senso di sconfitta o un senso di euforia.” Tra fraintendimenti e incomunicabilità, Milan Kundera dà forma a quelli che sono i timori più profondi che incombono in una coppia, mettendo a nudo le vulnerabilità dei due protagonisti. Continue reading “L’identità, un passo a due di equivoci”

L’arte di sopravvivere. Soffocare

di Quinto De Angelis

vizi. soffocare out out.png

Vi siete mai sentiti in uno stato emotivo tale da ripensare a scelte compiute nella propria vita? Quando una sorta di tristezza ti assale e ripensi se hai fatto bene a lasciare quella ragazza solo perché era logorroica e gelosa? Oppure se dovevi continuare gli studi e magari non fermarti alla ragioneria ma puntare ad una laurea per far felici i tuoi genitori? Continue reading “L’arte di sopravvivere. Soffocare”

L’eterna lotta con se stessi, Frankenstein di Mary Shelley

di Cristina Peretti

frankenstein.png

“Io mi affannai a pensare a una storia […] una storia che parlasse alle misteriose paure che abbiamo in noi, e risvegliasse un orrore da brivido; una storia che obbligasse il lettore a guardarsi intorno spaventato, che gelasse il sangue e accelerasse i battuti del cuore. […] Continue reading “L’eterna lotta con se stessi, Frankenstein di Mary Shelley”

I figli della mezzanotte, realismo magico all’indiana

di Gianluca Sforza

ifiglidellamezzanotteoutout1.jpg

Le mie letture estive hanno incluso uno straordinario romanzo del 1980, i Figli della Mezzanotte (Midnight’s Children), il romanzo d’esordio di Salman Rushdie, l’autore anglo-indiano poi costretto a nascondersi per sfuggire alla fatwa dell’ayatollah iraniano Khomeini negli anni 80 per aver offeso la figura di Maometto nel famoso romanzo “I versetti satanici“.  Continue reading “I figli della mezzanotte, realismo magico all’indiana”

Memorie dal sottosuolo di Dostoevskij

di Ilaria Palomba

memorie dal sottosuolo.jpg

“Tutti gli eroi di Dostoevskij interrogano sé stessi sul senso della vita, ed è sotto questo aspetto che sono moderni: essi non temono il ridicolo. Ciò che distingue la sensibilità moderna dalla classica è il nutrirsi questa di problemi morali e quella di problemi metafisici. Nei romanzi di Dostoevskij, il problema è posto con tale intensità, da non poter impegnare che a soluzioni estreme. O l’esistenza è menzognera o è eterna.” scrive Albert Camus nel bellissimo saggio Il mito di Sisifo. Continue reading “Memorie dal sottosuolo di Dostoevskij”

Notturno bizantino. La fine di un impero

di Antonia Rizzo

DePascalis_NotturnoBizantino_tmb.jpg

Luigi De Pascalis, raffinato scrittore abruzzese ma romano d’adozione, conferma la sua lunga collaborazione con le edizioni La Lepre. Il suo ultimo romanzo Notturno bizantino. La lunga fine di un impero, candidato al Premio Strega 2016, segue di un anno l’ultima pubblicazione per la stessa casa editrice che si contraddistingue per le sue scelte editoriali di grande spessore letterario. Continue reading “Notturno bizantino. La fine di un impero”

Cinema Farnese di Fernando Acitelli

di Antonella Rizzo

cinema farnese.jpg

Dichiararsi eretici della modernità in una cartolina dalla tessitura di colore sbadatamente vintage: questo è Cinema Farnese di Fernando Acitelli, un poeta senza compromessi stilistici. L’autore è nato e vive a Roma dove ha studiato Lettere Moderne presso l’Università “La Sapienza” di Roma e Filosofia alla “Pontificia Università Lateranense”.
Continue reading “Cinema Farnese di Fernando Acitelli”

Claudio Giovanardi e l’agonia del tempo

di Antonia Rizzo

A mezz'ora e trenta minuti dalla fine2

A mezz’ora e trenta giorni dalla fine è l’ultimo romanzo di Claudio Giovanardi, pubblicato dalla casa editrice La Lepre. Si tratta del racconto di uomo affetto da una rara malattia che gli porta via un minuto al giorno di veglia fino a traghettarlo nel sonno eterno. Continue reading “Claudio Giovanardi e l’agonia del tempo”