Un ritorno a casa sofferto

di Nicolò Palmieri

Sembra mio figlio - Out Out Magazine 1.jpg

Costanza Quatriglio torna alla regia e firma un nuovo lungometraggio che possa dar voce a un genocidio da sempre ignorato. Sembra mio figlio, accolto calorosamente al festival di Locarno, si ispira alla storia vera di Mohammad Jan Azzad, giunto in Italia da bambino e senza madre, partecipe della diaspora del popolo degli Hazara, perseguitati fin dal 1890 in Afghanistan e in Pakistan. Continua a leggere “Un ritorno a casa sofferto”