All posts tagged: cultura

Roma riparte con l’arte contemporanea

Dopo mesi di lockdown e chiusure di musei, quest’anno la capitale d’Italia sembra voler proporre un’offerta artistica che non si affida soltanto alla sua identità classicista, ma diventa simbolo di intraprendenza con una grandissima offerta espositiva di arte contemporanea. «I musei sono le chiese dei laici, è stato un errore aspettare così tanto a riaprirli». È quanto afferma Paola Ugolini, co-curatrice con Lara Conte e Cecilia Canziani dell’importante mostra collettiva Io Dico Io alla Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea di Roma, affiancata dal progetto di digitalizzazione dei contenuti Women Up di Google Arts & Culture. La mostra era stata posticipata al 27 marzo 2021, per concludersi lo scorso 5 giugno. Infatti, nell’ultimo DPCM firmato dal governo Draghi, la scelta di aprire nel weekend era stata lasciata alla discrezione dei direttori di museo, e la Galleria Nazionale come molte altre istituzioni non ha osato aprire senza il necessario supporto politico, nonostante 5.700 metri quadri di spazi espositivi. «I musei erano pronti, ma sono stati abbandonati, e per mesi gli italiani potevano fare shopping ma …

Mariasilvia Spolato: la pioniera dei diritti LGBT

Era l’8 marzo 1972 quando ventimila donne scesero in piazza a Roma, a Campo de’Fiori (luogo altamente significativo, simbolo dell’Inquisizione che bruciò sul rogo il filosofo Giordano Bruno dopo averlo accusato di eresia). Tra tutte quelle donne ce n’era una in particolare, che portava un cartello con su scritto “liberazione omosessuale”. Quella fotografia fece il giro dei giornali italiani, e quella donna era Mariasilvia Spolato. Perché è così importante ricordare chi è stata? Mariasilvia Spolato, classe 1935, fu professoressa di matematica a Padova. Dopo il trasferimento a Roma diventò una delle pioniere del movimento per i diritti delle persone omosessuali. Nel 1971 fondò il FLO, Fronte di Liberazione Omosessuale, un movimento che in seguito confluì nel Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano (F.U.O.R.I.) fondato da Angelo Pezzana, con il quale fondò la rivista Fuori!. Mariasilvia Spolato fu la prima donna italiana a fare coming out. Quella fotografia, che forse molti di noi hanno già visto e conoscono, insieme al suo coming out furono la causa del suo licenziamento dal lavoro da parte del Ministero dell’Istruzione, con …

Jim Morrison, 50 anni dopo la sua morte

Icona Rock, poeta maledetto, incantatore di svariate generazioni. Il 3 luglio 1971, a soli 27 anni, il frontman della band The Doors si spegne nella vasca da bagno al numero 17 di rue de Beautreillis. Una morte avvolta nel mistero e presto divenuta leggenda come spesso accaduto a celebrità del calibro di Jim Morrison.

“Tre”: dopo “Cambiare l’acqua ai fiori” Valérie Perrin torna con un nuovo romanzo

È Tre il nuovo romanzo di Valérie Perrin, autrice francese il suo successo è esploso a seguito del suo secondo libro, Cambiare l’acqua ai fiori, che nel corso della pandemia del 2020 è diventato un clamoroso bestseller. Cambiare l’acqua ai fiori aveva venduto solo in Italia circa 500 mila copie, scalando tutte le classifiche. Ora il suo successo non solo ha consentito di portare alla ribalta il suo primo romanzo, Il quaderno dell’amore perduto, ma ha permesso alla Perrin di pubblicarne un terzo. “Tre” è appunto il nome del libro. Tre perché è la terza opera della scrittrice. Tre perché è il numero dei protagonisti, e tre è il nome del loro gruppo, ispirato all’album 3 degli Indochine. Come nei suoi precedenti romanzi, Velérie Perrin è capace di raccontare la storia dei tre protagonisti con leggerezza e trasporto. Il dramma si mescola con il romanticismo in una storia che non fa emergere soltanto le passioni dei personaggi, ma che riesce a coinvolgere pagina dopo pagina grazie ai suoi colpi di scena. Dolori, vecchie ferite, amicizia, …