“Nuove mappe del Paradiso”: l’autobiografia “ucronica” di Makkox

Le vignette politiche (e non) di Marco- Makkox- Dambrosio trovano spazio nella sua autobiografia “Nuove mappe del Paradiso”. Un’opera piena di ricordi senza tempo, passati e presenti, che lui stesso descrive “ucronica”.

Andreose e la sua “Voglia di libri”, un elegante affresco dell’editoria italiana

Dopo il successo di Uomini e libri (2015) Mario Andreose torna nelle librerie con Voglia di libri, un ritratto unico quanto personale dell’età dell’oro dell’industria editoriale, da lui vissuta in prima persona. Dall’alto dei suoi “sessant’anni d’incantato apprentissage”, come lui stesso definisce la lunga e inimitabile carriera di figure del calibro di Umberto Eco, Andreose ci accompagna con sublime raffinatezza in un mondo ormai dimenticato, che ci appare distante anni luce.

Isgrò parla di Milano: “E’ una città incancellabile”

Emilio Isgrò, artista concettuale, pittore ma anche poeta, scrittore, drammaturgo e regista, a ottantatre anni si è completamente cancellato, ma a lui va bene così, anzi, ne fa un vanto. “Ah, ma io mi sono in realtà auto cancellato. Mascherina? Ce l’ho. Guanti? Pure. Cancellazione d’artista. Esco di casa bardato così.”, sì perché Emilio Isgrò in questa pandemia cerca di trovare un lato positivo e parla ancora una volta della sua “cancellatura”.

SCHAULAGER: LA CAVERNA DELLE MERAVIGLIE REALIZZATA DA HERZOG & DE MEURON

Costruito per conto della Fondazione Laurenz, lo Schaulager è un centro d’arte nei pressi di Basilea, ma ancor prima un’istituzione culturale di fama mondiale. Ospitato in un’iconica costruzione, progettata dal rinomato studio Herzog & de Meuron, lo Schaulager è inizialmente nato come centro di conservazione di opere d’arte appartenenti alla collezione della fondazione Emanuel Hoffmann, alla quale sono infatti riservati ben tre piani dei cinque a disposizione.

Il codice d’abbigliamento della cultura Xhosa

Scegliere il proprio abito da sposa, costituisce quasi una procedura rituale per un matrimonio. In Occidente è usuale il classico abito bianco, ma se si cambiasse luogo? Se questo luogo fosse circondato da deserti, safari e spazi mozzafiato come quelli sudafricani? Il mix di culture e religioni del Sud Africa, è stato il trampolino di lancio per la realizzazione di una varietà di abiti tradizionali bellissimi.