Non c’è uno senza due: Stéphane Brizé e Vincent Lindon nuovamente In guerra

di Roberta Maciocci

In guerra 1jpg.jpg

Applausi a scena aperta, ininterrotti, alla fine della proiezione dell’ultimo Festival di Cannes per In guerra, l’ultima fatica della consolidata coppia regista e protagonista di un film: rispettivamente Stéphane Brizé e Vincent Lindon. Non c’è tre senza quattro, perché quattro sono i film realizzati insieme.  In guerra è però il secondo dove si trovano a dirigere ed interpretare storie che hanno un importante comun denominatore: il lavoro. Continua a leggere “Non c’è uno senza due: Stéphane Brizé e Vincent Lindon nuovamente In guerra”

Don Quixote vive: Cannes giorno 10

di Emanuele Rauco

the-man-who-killed-don-quixote-ecco-adam-driver-nelle-nuove-clip-ufficiali-v3-330173-1280x720.jpg

Prima dei premi, delle riflessioni, dei bilanci, arriva il giorno che molti cinefili stavano aspettando da 25 anni. E soprattutto il giorno che stava aspettando Terry Gilliam, che per la prima volta ha potuto presentare pubblicamente – per la stampa, la proiezione ufficiala sarà domani, dopo la premiazione – il suo tormentato (la cui vicenda produttiva è appassionante come un romanzo). Continua a leggere “Don Quixote vive: Cannes giorno 10”

Soli contro tutti: Cannes giorno 9

di Emanuele Rauco
Burning-de-Lee-Chang-dong-la-critique-Festival-de-Cannes.jpg

Il cinema è la più corale delle arti sia perché esige un certo numero di persone per la sua realizzazione sia perché si fruisce spesso insieme a qualcuno, spesso a molti. Eppure l’immagine in movimento riesce come quasi nessun altra arte, grazie alla sua “naturale” adesione alla realtà, all’idea di replica dei nostri occhi (o perlomeno degli occhi di qualcun altro), a raccontare la solitudine, a restituire il senso di isolamento dell’essere umano. Continua a leggere “Soli contro tutti: Cannes giorno 9”

Nella terra del sogno: Cannes giorno 8

di Emanuele Rauco

under-the-silver-lake-1200-1200-675-675-crop-000000.jpg

Sono innumerevoli gli studi e i saggi che paragonano con tanto di comprovata scientificità la relazione tra l’esperienza della fruizione cinematografica con quella del sogno e su come la forma stessa del sogno sia cambiata di pari passo all’evoluzione della tecnica e del linguaggio cinematografico, a partire dalla durata media di un ciclo di sonno identica a quella di un film. La giornata di Cannes ha regalato un paio di esempi concreti delle sfumature che la parola sogno può avere al cinema. Continua a leggere “Nella terra del sogno: Cannes giorno 8”