Il Museo etrusco di Villa Giulia: c’è vita dopo la morte

Il Museo etrusco di Villa Giulia da oggi, 19 gennaio, in streaming live sulla piattaforma Twich.

Con una geniale campagna multimediale nata da idee già maturate appena scattato il coprifuoco pandemico in marzo 2020, e con la diretta dell’epoca sul canale del museo, Etruschannel, del lungimirante direttore Valentino Nizzo, i reperti conservati nel sito rimangono accessibili al pubblico. Virtualmente ma più vivi che mai, a prescindere dal fatto che la struttura che li ospita merita di per se stessa di essere conosciuta ed ammirata.

L’archeologo direttore ha ironizzato creando un’analogia tra il tono della campagna pubblicitaria del Museo con quella ormai preclara della ditta Taffo, sostenendo che l’organizzazione di Villa Giulia sia maggiormente ferrata nella promozione di “roba funeraria” rispetto ai comunque geniali ideatori delle campagne pubblicitarie di Taffo. Twich, che normalmente si occupa di videogame per ragazzi, ospiterà il gioco “mi Rasna”, videogame proprio sulla vita degli Etruschi. La divulgazione non muore, non si ferma davanti al virus, e si crea, attraverso i nuovi media, un legame tra passato e presente. Un approccio che sta già rendendo “virale”, stavolta in senso buono, la conoscenza delle meraviglie custodite nei luoghi di cultura.

Roberta Maciocci

Rispondi