Giovanni Battista Cerruti, il Colonnello Kurtz italiano

Esploratore, scrittore, re dei cacciatori di teste. Giovanni Battista Cerruti fu questo e molto altro ancora. Nato in provincia di Savona, sin da piccolo subì il fascino dell’esplorazione e il bisogno di conoscere realtà diverse dalla sua, divenendo in seguito una probabile fonte d’ispirazione per Joseph Conrad e il suo romanzo “Cuore di Tenebra”.

Molti furono gli esploratori italiani, alcuni di essi viaggiarono verso terre lontane guidati da un interesse puramente scientifico, altri da interessi economici. C’è chi invece, come Giovanni Battista Cerruti, per semplice curiosità e bisogno di conoscenza di realtà diverse dalla propria, volendone apprendere usi e costumi. 

Nato a Varazze in provincia di Savona, figlio di un commerciante di tessuti, si imbarcò da giovanissimo su una nave per Buenos Aires e da quel momento continuò le esplorazioni per mare fino ad arrivare all’Oceano Indiano. Nel 1881 divenne Capitano e durante un viaggio si stabilì prima in Indonesia (a Batavia, l’attuale Giacarta) e poi a Singapore. Qui aprì un’attività commerciale che trattava frutta esotica, prima di riprendere le esplorazioni marittime alla ricerca di piante rare da commerciare. Dai documenti giunti sino a noi è difficile ricostruire con precisione i suoi spostamenti in ordine cronologico, poiché egli non parlava mai di sé, ma da alcuni frammenti si sa quanto fosse bravo nei rapporti con i locali e le autorità europee.  

Nel 1891 tornò a Penang, in Malaysia, e iniziò a raccogliere informazioni sulla misteriosa tribù che viveva da quelle parti, tra gli stati di Perek e Pahang: il popolo dei Mai Darat, chiamati dai malesi Sakai (letteralmente schiavi). Questa tribù lo elesse a “Capo Supremo con diritto di vita e di morte sui Sakai” e lì rimase per 15 anni, periodo di tempo interrotto da brevi incursioni nel mondo civilizzato. In una di queste ritornò in Italia dove presentò il libro “Nel paese dei veleni” in cui raccontava questa sua esperienza in mezzo ai Sakai. 

Componenti della tribù dei Sakai

Nel 1900 il governo inglese offrì a Cerruti il ruolo di Sovrintendente presso i Sakai, incarico che egli accettò inizialmente, ma che poi abbandonò quando i funzionari inglesi interferirono nel suo lavoro. Allontanandosi da loro, pensò di far fruttare l’impresa che avrebbe potuto renderlo ricco. Egli era a conoscenza dell’ubicazione dei giacimenti di stagno e wolframite che avrebbe voluto sfruttare con l’aiuto di compagnie locali che fornissero il capitale necessario.  

Morì il 28 giugno 1914 a causa di un’infezione intestinale. La sua morte è avvolta nel mistero, ma si pensa che sia legata alla rete di trafficanti con cui intrattenne rapporti e che lo raggirò per mettere le mani sui giacimenti.  

Un incrocio di date ha fatto nascere l’ipotesi che Joseph Conrad e Giovanni Battista Cerruti si siano incontrati nell’Estremo Oriente e che la sua vita sia stata fonte segreta per lo scrittore polacco-britannico per il personaggio del Colonnello Kurtz di Cuore di Tenebra, romanzo da cui il regista Francis Ford Coppola ha tratto ispirazione per Apocalypse Now del 1979. 

Scena tratta da Apocalypse Now (1979) in cui Marlon Brando interpreta il Colonnello Kurtz

Tiziana Panettieri 

Un pensiero riguardo “Giovanni Battista Cerruti, il Colonnello Kurtz italiano

Rispondi