Giambattista Piranesi torna in vita grazie ad un’app del Parco del Colosseo

Sono passati 300 anni dalla nascita di Giambattista Piranesi (Mogliano Veneto 1720 – Roma 1778), e per celebrarlo il Parco del Colosseo ha sviluppato un’applicazione per smartphone in grado di mostrare Roma con gli occhi del grande incisore.

“La app”, spiega la direttrice del parco archeologico Alfonsina Russo, “è concepita sia come guida da utilizzare durante la visita nel PArCo, sia come viaggio nel tempo da vivere in qualsiasi parte del mondo ci si trovi con il proprio smartphone o tablet, modalità oggi imprescindibile in tempo di pandemia. Ci penserà il genio di Piranesi a condurre gli utenti lontani nel cuore della Roma del Settecento, lungo un itinerario per molti familiare ma sempre ricco di sorprese e particolari da scoprire o riscoprire.”

Il lavoro del Piranesi è particolarmente importante per la storia dell’arte. Egli è un ponte fondamentale tra l’arte pittorica e la fotografia, poiché riprende la realtà in modo fotorealistico utilizzando la tecnica dell’acquaforte. Le sue incisioni del Colosseo, del Palatino e del Foro sono rinomate in tutto il mondo per la loro precisione e minuzia; nonché emblematiche di un’epoca ormai passata.

Ma la sua memoria non è celebrata solo con l’app. L’Istituto Centrale per la Grafica, il quale conserva sia parecchie stampe del Piranesi sia tutte le rarissimi matrici in rame incise dall’artista, ha inaugurato una mostra a lui dedicata nel Palazzo della Fontana di Trevi. Curata da Maria Cristina Misiti e Giovanna Scaloni, il catalogo dell’esposizione è presente sul web.

“Siamo molto orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione di questa app che consentirà di fare un salto indietro di 300 anni e vedere gli elementi peculiari del Parco archeologico del Colosseo come si presentavano ai tempi del Piranesi.”, spiega Livio Livi, Consigliere di Amministrazione e Direttore Risorse Umane e Relazioni Esterne di Q8.

L’applicazione, completamente gratuita, sarà disponibile negli store da metà dicembre. Potrà essere fruibile anche per gli utenti non udenti e non vedenti.

Di Lorenzo Bagnato.

Rispondi