Breve storia di Rodin

Proprio in questi giorni si celebra il 180esimo anniversario della nascita di Rodin, un’ottima occasione per ricordare insieme il padre putativo della scultura moderna.

Nato a Parigi nel 1840 Francois-Auguste-René Rodin è considerato il progenitore della scultura moderna. Nonostante questo, Rodin ha sempre affrontato la scultura con un approccio da artigiano più che da artista, a cui le accademie parigine risposero con freddezza.

A differenza della maggior parte opere prodotte nel suo periodo il lavoro di Rodin si distingueva per l’esaltazione della fisicità dei suoi soggetti che sfuggivano dall’inquadramento come mera decorazione prediletto dalla scuola figurativa all’epoca dominante. Rodin era un maestro nell’ottenere dall’argilla figure muscolari, complesse e profonde che gli valsero non poche critiche dai suoi coetanei che preferivano un approccio più tradizionale, stereotipato.

Capitalizzando sul successo ottenuto da L’Age d’airain, sua prima scultura a figura intera, realizzata in seguito ad un viaggio in Italia, Rodin ottenne importanti commissioni per opere ardite come La Porte de L’enfer che accrebbero la sua fama fino a farlo riconoscere come il più importante scultore francese del proprio tempo.

Nel 1900, all’alba del nuovo secolo, il nome di Rodin era ormai conosciuto in tutto il mondo e la mostra da lui allestita all’Esposizione Universale di quell’anno lo consacrò definitivamente. Rodin morì nel 1917 e, nel periodo immediatamente successivo alla sua morte, la sua fama subì un declino che fu però solo momentaneo. Nei decenni successivi la sua eredità artistica si consolidò facendolo diventare quello che ad oggi è uno degli scultori più famosi di sempre.

Un pensiero riguardo “Breve storia di Rodin

  1. Un artista come pochi Rodin; le sue sculture sono ancora oggi delle vere e proprie icone per ogni prodotto dell’industria culturale: dal cinema alle serie tv alla letteratura.

Rispondi