di Lorenzo Bagnato

Dopo il grande successo di Stranger Things e Ready Player One appare chiaro quanto gli anni ‘80 siano stati fondamentali per la generazioni dei registi correnti. Ma, purtroppo o per fortuna, essi non vivranno per sempre, lasciando alla generazione successiva il compito di proseguire l’arte cinematografica. E la nuova generazione, per ovvia logicità temporale, prenderà ispirazione a piene mani dai film degli anni ‘90. Proviamo dunque a stilare una lista dei film più belli ed influenti dell’ultimo decennio del II millennio.

Pulp Fiction (1994)

Forse il film più importante degli anni ‘90 e certamente uno dei più belli di sempre, Pulp Fiction è una di quelle tappe fondamentali per la storia del cinema, come furono a loro tempo Quarto Potere ed Il Laureato. Con Pulp Fiction si rompono definitivamente gli stilemi classici americani, i cui ideali erano già stati messi in dubbio dalla New Hollywood, esplodendo in un marasma di post modernismo folle e schizzato. Quentin Tarantino ci regala un’opera memorabile, che verrà ricordata negli annali del cinema e che, sicuramente, sarà citata a menadito dai registi delle prossime generazioni.

Il Grande Lebowski (1998)

Così come Tarantino, anche i fratelli Coen fanno parte della scuola post-moderna. I due fratelli del Minnesota, però, possiedono di diverso da Tarantino l’idea di prendere un genere cinematografico e riscriverlo in chiave, per l’appunto, post-moderna. Così è stato per il thriller con Fargo e L’uomo che non c’era, per il western con Non è un paese per vecchi ed Il Grinta, ma il punto massimo del loro lavoro è stato raggiunto sicuramente con Il Grande Lebowski; geniale commedia grottesca, in cui ogni battuta, ogni personaggio ed ogni situazione è talmente tanto penetrante che possiamo star sicuri verrà ricordato per molti secoli a venire.

Film anni 90 - outoutmagazine 2.jpg

Quei bravi ragazzi (1990)

E come poteva essere escluso dalla nostra lista Martin Scorsese? Dopo aver già ribaltato i canoni di scrittura filmica e registica con Taxi Driver e Toro Scatenato, Scorsese ritornò sui suoi passi dedicandosi al gangster movie, genere su cui basò tutta la carriera degli anni ‘90. Quei bravi ragazzi è forse il miglior film di questa ondata, ove scrittura analitica e regia barocca si fondono in un miasma inarrestabile di emozioni.

Edward mani di forbice (1990)

Negli anni ‘90 iniziarono la propria carriera tanti giovani e talentuosi registi, come il già citato Tarantino e, certamente, anche Tim Burton. Già salito alle luci della ribalta con Batman, Burton esterna a pieno il suo stile per la prima volta con Edward mani di forbice. Nel film viene sviluppata una feroce critica alla società, che Burton vede come ipocrita e senza valori; incapace di accettare al proprio interno una figura realmente positiva e sensibile. Capolavoro del cinema gotico, Edward mani di forbice si assicura di diritto un posto in classifica.

Film anni 90 - outoutmagazine 3.jpg

Porco Rosso (1992)

Ed infine, ultimo ma non ultimo, va omaggiato necessariamente il regista che ci ha fatto piangere per la gioia grazie ai suoi film: Hayao Miyazaki. Porco Rosso è un’opera incredibile: gioiosa ma triste, nostalgica ma vitale, onirica ma realistica. E’ tutto il contrario di tutto, riuscendo persino ad inserire una fortissima critica alla guerra e alla follia umana, lasciandoci in un mare di lacrime dovute principalmente alla dolcezza e alla purezza dei protagonisti. Porco Rosso è un film che dovrebbero aver visto tutti, grandi e piccini, e che noi consigliamo vivamente la visione a tutti coloro che se lo sono perso.

Rispondi