Gibson e Sheridan protagonisti del thriller A Prayer Before Dawn. Dall’opera di Burke al film di Sauvaire

di Beatrice Andreani

Black Flies - OutOutMagazine (1).jpg

Mel Gibson torna al cinema con un film basato sul romanzo dell’autore Shannon Burke. A dirigere Black Flies è Jean-Stéphane Sauvaire, già regista di, per A24.

Black Flies - OutOutMagazine (3)

Sul grande schermo vediamo dispiegarsi la storia del giovane paramedico Ollie Cross, interpretato da Tye Sheridan (l’attore è nel cast di Mud e Ready Player One, e lo vedremo nel mese di giugno in X-Men – Dark Phoenix). La presenza e la tenacia derivante dalla figura di un medico più esperto come Rutkovsky (interpretato da Gibson), saranno la motivazione che spingerà Cross ad affrontare la sua prima esperienza lavorativa immergendosi nella dura realtà di alcuni quartieri newyorkesi. Tra queste vie, l’illegalità fra cui lo spaccio, la criminalità e una percentuale elevata di senzatetto metteranno il protagonista nella condizione di guardare da una nuova prospettiva l’idea su concetti particolarmente importanti come la concezione sulla vita e sulla morte.

Finanzia la pellicola Mad River Pictures in collaborazione, riguardo la fase della distribuzione, con Christopher Kopp, Lucan Toh – Babak Anvari e Anthony Katagas.

Lo svolgimento delle riprese sono previste per la seconda metà del 2019. A gestire i diritti negli Stati Uniti sono CAA e WME, mentre IMR International si occuperà di gestire le vendite in Germania.

Rispondi