Le guerre Horrende: la memoria incontra l’arte

di Serena Valente

le guerre horrende 3.jpg

Nel linguaggio machiavellico per “Horrende” si intendeva grandi e straordinarie cose: Giulia Brazzale e Luca Immesi ne traggono spunto per il loro nuovo cortometraggio Le guerre horrende.

Ambientato durante la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, racconta le vicende grottesche del Capitano (Livio Pacella), dello Scudiero (Desiree Giorgietti) e del Soldato (Dario Leone). In onore all’anniversario della Grande Guerra, gli autori hanno voluto celebrare il ricordo di quanto successo in quegli anni di terrore e disperazione con il loro cortometraggio. Come dichiarato dalla Brazzale e da Immensi, questo è un periodo storico adatto per ricordare, per via della violenza e dell’atmosfera che si è creata negli ultimi anni.

le guerre horrende 2.jpg

Nel corto vedremo lo stato di un uomo che ha vissuto entrambi i conflitti mondiali: il Capitano, classe ‘99, ritirato a vivere in un bosco insieme ad uno strambo scudiero, con il quale passa il suo tempo raccontando storie di battaglie ed azioni fantastiche. La loro amicizia verrà messa a dura prova da un seguirsi di conflitti e tensione, dovuti all’arrivo di uno smemorato paracadutista ferito.

Il film è stato selezionato in vari festival internazionali, come Dallas video fest, Copenhagen Pix, London Underground Film Festival ed altri. È attualmente stato venduto, oltre che in Italia, in altri paesi europei ed extraeuropei, come Giappone ed Australia. La memoria incontra l’arte e viaggia dall’Italia al mondo intero.

Rispondi