di Roberta Maciocci

The patient who nearly drove me out of medicine 2.jpg

L’attore e produttore Ryan Reynolds con la sua casa di produzione Maximum Effort produrranno The Patient Who Nearly Drove Me Out of Medicine, un horror tratto dal racconto di Jasper DeWitt e pubblicato inizialmente in Reddit No Sleep, Scary Stories, Told in the Dark.

Reynolds è noto ai più come interprete del mutante Deadpool e partecipante alla saga degli X-Men. Simile d’aspetto all’Uomo Ragno, ma soltanto in virtù del look delle tutine da supereroe, stavolta non sarà nella lista nera, la Dead Pool, che di nome e di fatto si era guadagnato come antieroe, vantando un passato da mercenario senza scrupoli. Una figura inusitata nello schieramento Marvel e nata nel 1991. L’attore è produttore anche dei due episodi cinematografici che portano il nome del personaggio, sdoganatosi in questi casi dal gruppo mutanti.

The patient who nearly drove me out of medicine 3.jpgTornando a The Patient Who Neary Drove Me Out of Medicine, il racconto che verrà trasposto filmicamente parafrasa la dicitura della casa di produzione: si tratta dell’impegno sovrumano di un medico atto a guarire un paziente per così dire molto problematico. Ed a dipanare un mistero che avvolge tutta la vicenda.

Il mistero riguarda anche la scelta del cast e delle location, dunque dovremo essere pazienti anche noi, e non dal punto di vista clinico. L’occhio clinico è invece quello che Ryan Reynolds deve aver avuto nel riuscire ad accaparrarsi un contratto di almeno tre anni con la Fox. E la cosa è reciproca, per citare il Furio verdoniano: il primo Deadpool, (2016) è stato, dai tempi di Avatar campione di incassi di bibliche proporzioni. Non ci si meravigli, dunque del fatto che Reynolds, in varie interviste, abbia dichiarato che il suo lavoro lo abbia salvato dagli stati d’ansia ai quali era soggetto.

Un paziente che produce un film su un paziente che attendiamo con pazienza ma anche con curiosità e anche con un po’ di sana e adrenalinica paura da horroriani.

Rispondi