Finite le riprese di Doctor Sleep!

di Chiara Maciocci

doctorsleep, outout, 1.jpeg

È stato da poco annunciato che le riprese di Doctor Sleep, l’atteso sequel di The Shining con Ewan McGregor, sono terminate. A dare la notizia con un tweet è stato lo stesso regista, Mike Flanagan, il quale è reduce del successo della serie tv Netflix The Haunting of Hill House.

Scritto e diretto da Flanagan, Doctor Sleep è il riadattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Steven Spielberg, pubblicato 36 anni dopo The Shining. Il film vedrà nel suo cast Ewan McGregor nei panni di Danny Torrance e Rebecca Ferguson nei panni di Rose the Hat, e sarà distribuito dalla Warner Bros. Il 24 gennaio 2020.

doctorsleep, outout, 3.jpeg

Qui di seguito la sinossi del romanzo:

Perseguitato dalle visioni provocate dallo shining, la luccicanza, il dono maledetto con il quale è nato, e dai fantasmi dei vecchi ospiti dell’Overlook Hotel dove ha trascorso un terribile inverno da bambino, Dan ha continuato a vagabondare per decenni. Una disperata vita on the road per liberarsi da un’eredità paterna fatta di alcolismo, violenza e depressione. Oggi, finalmente, è riuscito a mettere radici in una piccola città del New Hampshire, dove ha trovato un gruppo di amici in grado di aiutarlo e un lavoro nell’ospizio in cui quel che resta della sua luccicanza regala agli anziani pazienti l’indispensabile conforto finale. Aiutato da un gatto capace di prevedere il futuro, Torrance diventa Doctor Sleep, il Dottor Sonno. Poi Dan incontra l’evanescente Abra Stone, il cui incredibile dono, la luccicanza più abbagliante di tutti i tempi, riporta in vita i demoni di Dan e lo spinge a ingaggiare una poderosa battaglia per salvare l’esistenza e l’anima della ragazzina. Sulle superstrade d’America, infatti, i membri del Vero Nodo viaggiano in cerca di cibo. Hanno un aspetto inoffensivo: non più giovani, indossano abiti dimessi e sono perennemente in viaggio sui loro camper scassati. Ma come intuisce Dan Torrance, e come imparerà presto a sue spese la piccola Abra, si tratta in realtà di esseri quasi immortali che si nutrono proprio del calore dello shining.

Rispondi