di Roberta Maciocci

inndiana jones 3.jpg

La Walt Disney Pictures ha reso nota la data di uscita del quinto capitolo del franchise Indiana Jones: si tratterebbe del 9 luglio del 2021, a ben 40 anni di distanza dal primo e dieci dal quarto. Come passa il tempo quando ci si diverte.

E il tempo è passato anche per Harrison Ford: non possiamo chiamarlo più “Junior”, il professor Jones figlio. Come faceva Jones senior, al secolo Sean Connery, in Indiana Jones – L’Ultima Crociata. Non gli piacerebbe affatto e peraltro Ford va per i 77 anni.

Indiana-Jones 2.jpg

Da fan e cinefili, qu-Indy di parte, si potrebbe dire, parafrasando Steven Spielberg, che anche nel nuovo episodio Indiana Jones debba essere ovviamente interpretato da Harrison Ford. Forse un film senza di lui che interpreti il rocambolesco ed affascinante archeologo non avrebbe lo stesso sapore. E anche lui sembra essere intransigente sull’argomento.

La scorsa settimana infatti, in occasione del ritiro di un Artists Inspiration Award assegnatogli dalla SAG-AFTA Foundation, ha risposto in maniera cortese ma diretta ad un intervistatore che stava sondando la presenza di un altro attore protagonista di questo atteso Indiana Jones 5. Stando ai rumours, il papabile sostituto dello storico Indy/Harrison potrebbe essere il collega più giovane Chris Pratt: al suo attivo, per citarne un paio, Jurassic World – Il Regno Distrutto (2015) e Avengers – Infinity War, di quest’anno. Alla domanda postagli su questa sostituzione, pare Ford abbia risposto sic et simpliciter “O lui, o me”.

indiana-jones-1.jpg

Difficile dunque aspettarci di vederlo, come fu per il già citato Connery, per ipotesi, nei panni del padre di Indiana Jones, o di altro personaggio, in questa nuova pellicola. Ad ogni modo ancora non ci sono accenni alla trama del nuovo film: il che potrebbe prevedere, anche auspicabilmente per i fan del poliedrico e carismatico attore, una sua riconferma da protagonista.

Perché no: rimodellando il personaggio, collocandolo per forza di cose in una fase della vita meno spericolata, Indiana rimarrebbe sicuramente ancora ironico, avventuroso ed affascinante.

Rispondi