di Lorenzo Bagnato

The little drummer girl - outoutmagazine 1.jpeg

Dopo aver sconvolto il pubblico mondiale con capolavori come Old Boy, The Handmaiden e Mr. Vendetta, Park Chan Wook decide di abbandonare momentaneamente il grande schermo per cimentarsi in una produzione televisiva.

Presentata alla Festa del Cinema di Roma, The Little drummer girl è una miniserie prodotta dalla BBC che vede come protagonista una giovane attrice dalle idee radicali divenuta spia per caso ed incaricata di porre fine alle spinte estremistiche palestinesi nell’attuale stato di Israele.

The little drummer girl - outoutmagazine 2.jpg

Premesso che sono state proiettate solo le prime due puntate, la serie è lontana dai classici canoni della filmografia di Wook. La storia, infatti, non sembra promettere nulla di eccitante, e lo stile di narrazione, almeno per ora, non differisce da serie di spionaggio molto più intriganti come The man in the High Castle. Ciò che ci viene presentato, in pratica, è una semplice spy-story dai toni classici, in cui sono presenti tutti gli archetipi dei thriller anni ‘50; dal poliziotto buono ma dai toni duri alla femme fatale bella ma letale.

Il prodotto, certo, non si può definire non riuscito. La sceneggiatura regge, seppur rischia di risultare confusionaria a causa del continuo cambio di location, gli attori sono molto credibili ed i dialoghi hanno il giusto pizzico di ironia. La regia è eccezionale, con lenti carrelli ad esplorare l’intero ambiente, accompagnati da una lieve distorsione dell’immagine dovuta al frequente e saggio uso del grandangolo; ed anche la fotografia è degna di nota seppur abbastanza convenzionale.

The little drummer girl - outoutmagazine 3.jpg

L’intero prodotto, però, sembra un cane rabbioso legato ad un palo. Se liberato potrebbe sbranarci, colpendoci davvero alle viscere come Park Chan Wook ci ha abituato nei suoi precedenti lavori. Il cane, però, è legato, e per quanto abbai non causa alcun effetto sulla coscienza dello spettatore, il quale esce dalla visione intrattenuto ma non sconvolto. Nulla toglie, però, che la serie potrebbe riprendersi con il proseguire degli episodi e trasformarsi in un piccolo gioiellino.

Rispondi