Il tenue incedere della violenza

di Chiara Maciocci

2018-10-20 08.40.17.png

Presentato nella Selezione Ufficiale della Festa del Cinema di Roma, Light as Feathers è l’opera prima della regista Rosanne Pel, la quale dietro la cinepresa decide di ritrarre la vicenda personale del quindicenne Eryk.

Trovatosi a crescere senza padre, educato dalla sola madre e dalla nonna che vive con loro, il ragazzo fa esperienza dell’amore e delle conseguenze a cui un traviato rapportarsi ad esso può portare; nel piccolo villaggio polacco in cui è ambientata la storia, Eryk si scopre e viene scoperto come capace di una crudeltà tanto più colpevole quanto più ingenua e ostinatamente incosciente. Al limite tra affetto premuroso e violenza cogente prima, resosi responsabile di un vero e proprio sopruso poi, la telecamera ci accompagna con tenue incedere tra gli atti di Eryk senza alcun intento di denuncia, bensì con la sola premura di voler mostrare quella che è l’origine insospettabile e mai completamente comprensibile della violenza.

2018-10-20 08.40.26.png

È questo l’intento che ci annuncia la stessa regista: “Spesso la manifestazione della violenza appare incomprensibile. Mi spaventa. Comprenderne l’origine può liberarmi dalla paura. Perciò quel che mi interessa, come regista, non è la violenza in sé, ma le circostanze che portano le persone a fare del male.”

Il risultato è un film dalla regia pulita, delicata nel suo seguire ogni movimento e luogo e nel soffermandosi su di essi senza mai rischiare di essere invadente. Tuttavia, la Pel non riesce a mantenere pregna di significatività un’atmosfera che di significato è già intessuta di per sé, lasciando che la nostra attenzione venga deviata da quello stesso lento incedere che fa la forza della sua regia, e ponendoci di fronte quasi un vetro trasparente che, infine, ci allontana irrimediabilmente dal dolore della vicenda rappresentata. L’emozione quasi non ci tocca, e il tutto si risolve in un ennesimo film “perfetto”, girato con perizia tecnica e dal contenuto ammirevole, che pure ricorderemo con niente più di un pensiero incerto.

Rispondi