di Roberta Maciocci

last-christmas-1.jpg

Il regista Paul Feig è decisamente un esperto nel dirigere trasposizioni di storie da telefilm e persino fumetti, per il piccolo e per il grande schermo: basti pensare al remake della serie Sabrina, vita da Strega, trasmesso da BBC ed ABC per quattro stagioni dal 1996 al 2003, e il film di animazione Snoopy and Friends, il film dei Peanuts (2015).

La sua prossima fatica sarà quella di dirigere una “citazione” musicale: il film Last Christmas, ispirato all’omonima canzone degli Wham, brano ballatissimo del 1985 e ancora considerato una perla del pop anni ’80. La storia sofferta di un amore nato e morto nello spazio di una festività, di un cuore “regalato” per Natale, che riceve in contraccambio una delusione d’amore e della speranza di trovare qualcuno di speciale che possa meritarselo in dono l’anno seguente al dispiacere.

Protagonisti della pellicola, la storia di una vacanza d’amore natalizia, la Emilia Clarke, presente nella serie Il Trono di Spade dal 2011, ed Henry Golding, il trentunenne attore cinematografico e televisivo (si veda la serie televisiva BBC The Travel Show, in onda dal 2014). La Clarke – per la serie “forse non tutti sanno che…” – vanta al suo attivo il ruolo che fu di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany, in un adattamento teatrale andato in scena nella stagione 2013 del Cort Theatre di Manhattan. Un biglietto da visita per interpretare una favola moderna, coronata, si spera, da happy ending di rigore, e ambientata nel periodo per antonomasia più suggestivo dell’anno.

Last Christmas 2.jpg

La sceneggiatura d’altronde promette bene, essendo firmata da Emma Thompson e Bryony Kimmings. La prima famosissima, meritatamente pluri-nominata e pluri-decorata attrice, scrittrice e sceneggiatrice; versatile interprete che spazia da Shakespeare ai film di derivanza dalla screwball comedy, la commedia americana che sfocia nell’imprevisto e spesso e volentieri nel romanticismo dopo situazioni ad effetto. La seconda giovane artista multimediale, nonché attivista sociale, autrice peraltro dell’ossimorica Guida di una Pacifista per la Guerra contro il Cancro. Un’accoppiata vincente, due donne istrioniche alle prese con i topoi del genere sentimentale: l’amore, il Natale, ed altri ingredienti da scoprire.

Rispondi