di Lorenzo Bagnato – inviato a Venezia 75

Werk ohne Autor - outoutmagazine 1.jpgIl cinema tedesco ha da sempre avuto una grande tradizione anti-nazista. Come la nazione stessa, infatti, anche gli autori cinematografici provano un estremo ribrezzo verso il loro passato. Ne sono esempi film come L’Onda (Dennis Gansel) e Le Vite degli Altri, che valse anche l’oscar per il Miglior Film Straniero al regista Florian Henckel von Donnersmarck.

Quest’ultimo è tornato dietro la macchina da presa dopo otto anni di inattività con Werk ohne Autor (Opera senza autore), presentato in concorso alla 75a edizione del Festival di Venezia.

Werk ohne Autor - outoutmagazine 2.jpg

La pellicola è una lunga epopea storica che ruota intorno a Kurt Benner ed al suo sogno di diventare pittore. Il film, come una specie di Guerra e Pace moderno, affianca le vicende dei protagonisti con il corso reale della storia, mostrandone una minuziosa perizia nella ricostruzione e nel racconto. Donnersmark, come nel suo precedente Le Vite degli Altri, demonizza pesantemente sia il regime nazista sia quello comunista con una forza tipica solo dei tedeschi; mostrando quanto la Germania sia stata profondamente abbattuta durante il secolo scorso. Tuttavia non vi è alcun tentativo di assoluzione. Tutt’altro. Il protagonista Benner odia le dittature in cui è costretto a vivere più per frustrazione nei confronti di un paese messo in ginocchio piuttosto che per una persecuzione sulla sua stessa persona. In questo senso, Werk ohne Autor è un vero film patriottico, poichè mostra l’amore per la patria nonostante i suoi errori e le sue colpe.

Tutti questi anni di attesa per un nuovo lavoro di Donnersmark sono stati dunque ripagati da un film antologico, unico ed imprescindibile, la cui visione è certamente meritata.

Rispondi