Dogman stravince a Taormina: 8 Nastri d’Argento per il film di Garrone

di Nicolò Palmieri

Nastri d'Argento 2018 - Out Out Magazine - 1.jpg

Miglior film, miglior regia, due migliori attori protagonisti, miglior montaggio, colonna sonora, casting director, scenografia e produzione: possiamo affermare senza troppi dubbi che la 72° edizione dei Nastri d’Argento ha un vincitore assoluto.

Dogman di Matteo Garrone fa infatti incetta di premi, dopo aver già conquistato la critica internazionale a Cannes.

Riconfermarsi non è mai facile, specie in un anno ricco di belle sorprese quale è stato il 2018 italiano fin qui.

Marcello Fonte si aggiudica un ulteriore premio come miglior attore protagonista, stavolta condiviso con il suo collega di set Edoardo Pesce, che nel film interpreta il terribile Simone, flagello di un quartiere intero.

Come ormai sanno anche i sassi, Dogman si ispira al cruento omicidio avvenuto nella Roma degli anni Ottanta, perpetuato da Pietro De Negri, alias “Er Canaro della Magliana”, ai danni del pugile e criminale Giancarlo Ricci.

Nastri d'Argento 2018 - Out Out Magazine - 2.jpg

Per resa scenica, storia e poetica agrodolce, Dogman ha meritato ogni premio che è riuscito ad aggiudicarsi.

Ma non sono comunque mancate le menzioni d’onore, grazie alla presenza di ottimi concorrenti.

Loro di Paolo Sorrentino si porta infatti a casa i riconoscimenti alla miglior sceneggiatura e al cast, con ben tre Nastri assegnati ad Elena Sofia Ricci (miglior attrice protagonista) per la sua interpretazione di Veronica Lario, e a Kasia Smutniak e Riccardo Scamarcio (miglior attrice e attore non protagonisti).

Da segnalare anche il Nastro d’Argento alla miglior opera prima per La Terra dell’Abbastanza, dei fratelli D’Innocenzo, presentato lo scorso febbraio alla Biennale di Berlino.

Il personaggio dell’anno si conferma invece Edoardo Leo, vincendo il Premio Persol grazie al suo lavoro in Smetto quando voglio – Ad honorem.

Tutto giusto, anche se il personaggio dell’anno che più rimane impresso è Matteo Garrone, che insieme ai suoi due fenomenali attori ha scritto un’altra pagina di cinema italiano e non solo.

Rispondi