Con Deadpool 2, i mutanti festeggiano 18 anni sullo schermo

di Luca Ingravalle

Mutanti Out Out Megazine 1.jpeg

Con l’arrivo del secondo, attesissimo, capitolo di Deadpool e la conferma della qualità per niente scontata di un saga come quella dell’anti-eroe per eccellenza, il giornale Wired ha stilato una classifica in ordine di preferenza di tutti i film con protagonisti i mutanti usciti dal 2000 a questa parte.

Evidenziando la molteplicità di universi ai quali i mutanti appartengono sia metaforicamente che praticamente considerando che nascono dalla matita di casa Marvel ma i diritti per la loro distribuzione sono trattenuti dalla 20th Century Fox, il giornale ha poi messo in luce l’efficacia che questa “indipendenza” dal Marvel Cinematic Universe ha conferito al filo narrativo delle pellicole, in un viaggio durato quasi diciotto anni che non accenna a fermarsi.

Mutanti Out Out Megazine 2.jpeg

All’ultimo posto della classifica di Wired ritroviamo l’ultimo capitolo del reboot degli X-Men, X-Men: Apocalyspe. Il giornale lo definisce il “più urlato” della saga, colpevole di non essere riuscito a gestire la molteplicità di personaggi e di non aver messo in risalto il cuore pulsante della serie ovvero la contrapposizione tra coloro che possono tutto e coloro i quali, inermi, non riescono a sostenere il loro intervento.

Seguono il secondo capitolo dello spin-off su Wolwerin, Wolverine-L’Immortale, X-Men: Conflitto Finale e X-Men: L’Inizio, rispettivamente al nono, ottavo e settimo posto della classifica.  

Al sesto posto troviamo X-Men: Giorni di un futuro passato, la pellicola che più si avvicina al Marvel Cinematic Universe, che il giornale definisce come uno dei capitoli più “avvincenti” e “stimolanti” della saga, nonché un’avventura tra presente e passato che rappresenta un perfetto passaggio di testimone tra due generazioni distinte.

Mutanti Out Out Megazine 3.jpg

Quinto posto per il primo film degli X-Men, applaudito per la sua riuscita nonostante le risorse non fossero delle migliori, e quarto per il primo Deadpool che riceve il plauso della rivista per aver trasformato un prodotto di nicchia in uno degli esempi più recenti d’intrattenimento per adulti.

A guadagnarsi l’ultimo posto del podio è la nuova serie Tv Legion, e la prima che da spazio ai mutanti, preceduta dal capitolo dedicato agli X-Men più apprezzato di sempre, X-Men 2 che strappa il secondo posto con la seguente motivazione: centra l’obiettivo in pieno  questo sequel che amplia i personaggi, li tratta meglio, sviluppa a dovere il tema centrale (la metafora della tolleranza nella nostra società)”.

Primo posto indiscusso per il capolavoro scritto e diretto da James Mangold Logan, uscito nelle sale l’anno scorso e prossimo a guadagnarsi il titolo di film incentrato su un supereroe più riuscito di sempre, accanto forse solo al Cavaliere Oscuro di Nolan.

Battezzato dai più come il nuovo I figli degli uomini in chiave mutante, Logan è un film perfetto sul sacrificio e la caduta di un eroe, definito da Wired come nuovo “caposaldo” di una delle saghe più amate di sempre.

Rispondi