Il mondo visto dai bambini grazie allo splendido progetto culturale di Quaderni Aperti

di Laura Pozzi

News quaderni da sfogliare-outoutmagazine1.jpg

Un progetto bello e importante quello promosso da Quaderni Aperti associazione culturale no profit con sede a Milano, che dal 2005 è impegnata a raccogliere, archiviare e digitalizzare centinaia di quaderni di studenti di classi elementari e medie con il preciso scopo di sviluppare attività come reading, mostre, laboratori, seminari in collaborazione con altre associazioni, università e istituti di ricerca.

Quadernini è un salutare esperimento di raccolta partecipata che ad oggi conta centinaia di quaderni datati dalla fine dell’800 fino ai nostri giorni rappresentando una delle collezioni più ricche e varie in Italia. Basti pensare al prezioso archivio digitale, in continua espansione e costituito da oltre 30.000 pagine digitalizzate.

L’importanza del progetto risiede nel suo carattere squisitamente storico-pedagogico, atto a valorizzare testi e disegni prodotti da bambini vissuti in epoche diverse, capaci di testimoniare importanti aspetti del nostro passato. Così come analizzando i contenuti dei quaderni è possibile ricavare preziose informazioni sui metodi educativi utilizzati nei diversi periodi storici ed aree geografiche. Senza dimenticare il notevole contributo artistico insito in queste piccole opere che possiedono un grande valore comunicativo, fondamentale per lo svolgimento di attività didattiche e di divulgazione. L’obiettivo primario dell’associazione è quello di dare forma e importanza a progetti che promuovano la conoscenza dell’identità locale, che stimolino le nuove generazioni nella produzione culturale e favoriscano l’integrazione tra le diverse culture.

News quaderni da sfogliare-outoutmagazine2.jpg

Il fotografo e ideatore Thomas Pololi insieme agli altri curatori del progetto sta lavorando alla creazione dell’Exercise Books Archive, il primo archivio digitale comprendente quaderni di scuola in arrivo da tutto il mondo. Per incentivare l’interessante iniziativa che conta già 400 quaderni provenienti da 27 paesi diversi (tra cui Argentina, Ghana, Indonesia, Pakistan) è stata lanciata una campagna di crowdfunding attraverso la piattaforma Produzioni dal Basso per raccogliere 15mila euro necessari per la digitalizzazione, trascrizione e traduzione dei testi che prevede tra l’altro originali ricompense come zainetti, astucci, sacche, libri e manifesti.

Sfogliare i quaderni, rappresenta un’esperienza fuori dal comune oltre che un vero e proprio arricchimento personale. E’ un piacere per gli occhi e  per la mente osservare la vasta selezione costituita dai razzi disegnati da adolescenti russi anni 70, esercizi di scrittura di bambini estoni, ragazzi cinesi a confronto con la Rivoluzione culturale per arrivare a un tema composto da una bambina inglese nel 1912 sulla sua stagione preferita. Ricordiamo inoltre che è sempre possibile inviare un proprio quaderno che verrà conservato e digitalizzato nell’archivio. Un’iniziativa culturale da sostenere il più possibile!

Rispondi