Reteconomy presenta L’Event Horizon School, la scuola di arte digitale

di Cristina Peretti

even horizon school out out magazine 1.jpg

Gli appassionati del mondo digitale non possono perdersi la presentazione dell’Event Horizon School, l’accademia che prepara professionalmente gli artisti del settore dei videogiochi, del cinema e delle animazioni digitali.

All’emergente professione di Character e Game Designer è stata dedicata la puntata del 25 Marzo del nuovo programma televisivo, condotto da Giuseppe Grossi, che si occupa di cinema, musica, letteratura e arte: Cult, si gira, la cultura che funziona, in onda ogni domenica alle 22 su Reteconomy, canale 512 di Sky e canale 260 del digitale terrestre. In quest’occasione è stata presentata “L’Event Horizon School”, la scuola di arte digitale con sei sedi in Italia (Torino, Milano, Pescara, Padova, Firenze, Jesi), divisa sia in corsi brevi, che master, in cui si formano professionisti del settore dei videogames, cinema, animazione e 3D. L’arte si sta sempre più digitalizzando e la tecnologia domina ormai la nostra vita: il mondo del cinema e dei videogiochi ha bisogno di artisti preparati.

horizon school out out magazine 3.jpg

La teoria non basta più. È su questi presupposti che si basa la didattica di questa scuola. Gli studenti lavorano sul campo e si relazionano con gli addetti ai lavori e con tutti gli esperti del settore, con l’obiettivo di far nascere da questi incontri nuovi scenari d’intrattenimento. Intrattenimento legato a esigenze sempre più elevate e particolari. Questi artisti sono sempre state figure nascoste, oscurate dal fascino interattivo di ciò che creano. Ma dietro un videogioco, una realizzazione cinematografica o un 3D c’è sempre una mente umana, che lavora per il nostro divertimento. La scuola di arte digitale vuole dare rilievo a queste figure e riconoscere il loro status di lavoratori a tutti gli effetti. Il loro scopo è quello di oltrepassare i confini dell’immaginario e proporre mondi virtuali sempre nuovi e dinamici.  “L’Event Horizon School” è quella dimensione oltre la quale nessun evento può influenzare un osservatore esterno. Per un artista l’orizzonte è tuttavia l’obiettivo da raggiungere e oltrepassare, per acquisire nuove conoscenze”.

Rispondi