La rivoluzione è giovane: Karl Marx 200 anni dopo

di Francesco Amato

il giovane Marx ououtmagazine 1.jpg

Sono passati 200 anni dalla nascita di Karl Marx e 170 anni dalla prima pubblicazione de “Il manifesto del partito Comunista”, scritto insieme all’amico Friedrich Engels.

Il film di Raoul Peck, Il giovane Marx, ripercorre la storia di Karl Marx (August Diehl), dal suo esilio a Parigi, all’incontro con Friedrich Engels (Stefan Konarske), che porterà alla nascita della “Lega dei Comunisti” e alla stesura del manifesto che ispirerà milioni di persone in tutto il mondo.

il giovane marx out out magazine 2.jpg

Raoul Peck, con uno stile registico semplice e funzionale, fa immergere perfettamente lo spettatore nell’atmosfera ottocentesca di città come Berlino, Parigi e Manchester, dove il popolo viene sfruttato nelle fabbriche e nelle miniere. La sceneggiatura, scritta dallo stesso Peck e da Pascal Bonitzer, cerca di ragionare su come, dopo più di duecento anni, le cose non siano poi così diverse da prima.

La caratterizzazione dei personaggi è allo stesso tempo il punto di forza e uno dei pochi difetti del film. Friedrich Engels e Jenny Marx (interpretata da Vicky Krieps, già vista ne Il filo nascosto) sono i personaggi più interessanti, descritti minuziosamente e con i dialoghi più belli dell’intero film. Sembra paradossale quindi, che l’unico personaggio a mancare di profondità sia proprio Karl Marx, che ci viene mostrato come un uomo geniale e con idee innovative, che però vengono trattate solo in superficie, senza un adeguata profondità.

il giovane marx outoutmagazine 3.jpg

Nonostante questo difetto, che non rovina certo la visione, Il giovane Marx è un film importante, che ha l’ambizione di far (ri)conoscere un pensatore amato da molti e odiato dai più, che ha fatto e continua a far discutere ancora oggi. Il regista ha avuto l’ottima intuizione di non dar ragione o torto al pensiero di Marx e Engels, ma di lasciare che sia il pubblico a “schierarsi” dove preferisce. Il film non è quindi un’apologia del pensiero marxista, ma si limita a raccontare una storia che, nel bene o nel male, ha condizionato la storia politica in tutto il mondo.

Rispondi