Nelle pieghe del tempo: un mondo parallelo ai confini della realtà

di Cristina Peretti

nelle pieghe del tempo 3 out out magazine

Con un Budget di ben $100 milioni di dollari, arriva in Italia un nuovo film per le famiglie firmato Disney: Nelle pieghe del tempo. Una lotta contro le forze del male, combattuta in un universo lontano e fantastico.

Disney ci regala un nuovo family movie: Nelle pieghe del tempo, adattamento dell’omonimo romanzo di Madeleine L’Engle (1963), il libro che ha venduto oltre 23 milioni di copie in tutto il mondo e nell’ultimo periodo è nuovamente balzato in cima alle classifiche dopo essere stato menzionato da Chelsea Clinton durante la Democratic National Convention. Diretto da Ava DuVernay, la prima donna di colore a dirigere un film con un budget oltre i $100 milioni, il film incanterà soprattutto i più piccoli con i suoi scenari fantastici e la qualità degli effetti speciali. Meg Murry (Storm Reid), in piena crisi adolescenziale, è la classica ragazzina insicura, ma con un’intelligenza sopra la media, come suo fratello minore Charles Wallace (Deric McCabe).

nelle pieghe del tempo out out magazine 2La sua vita è stravolta dall’improvvisa scomparsa del padre (Chris Pine), famoso astro-fisico. Quattro anni dopo una misteriosa donna, la Signora Cosè, appare ai ragazzi e gli rivela che il padre non è morto, ma intrappolato in una dimensione parallela. Gli studi sui quali aveva fondato tutta la sua carriera erano fondati: si può viaggiare nel tempo e nello spazio. Meg, Charles e Calvin, un loro amico, intraprendono un viaggio ai confini della realtà per salvare il padre. Guidati da tre donne celestiali, (Oprah Winfrey, Reese Witherspoon e Mindy Kaling) esplorano mondi paralleli, realtà lontane e magiche. Per riuscire a portare a termine la loro missione e sconfiggere l’oscurità, Meg dovrà superare le sue insicurezze, crescere e maturare. Una storia di coraggio e di fantasia quella di Meg, tutta al femminile, adatta a un pubblico adolescente. Si affrontano importanti temi d’attualità, quali la disparità tra uomo e donna e il bullismo, ma non vengono approfonditi. Nelle pieghe del tempo non riesce a creare la suspanse che la trama richiede. Il risultato è un intrecciarsi di vicende e di personaggi poco caratterizzati, il cui punto di forza è rappresentato dalla scenografia e dagli effetti speciali.

Rispondi