Nuzzo-Di Biase in una colorata commedia in cui è l’unione a fare la forza

di Beatrice Andreani

Vengo anch'io - Out out magazine (1) (1).jpg

Corrado Nuzzo e Maria Di Biase portano al cinema una commedia dagli esilaranti tratti grotteschi: Vengo anch’io. I due attori comici, conosciuti per la loro partecipazione a programmi come Zelig e Bulldozer, si mettono in gioco rivestendo i panni di due personaggi alquanto amareggiati dagli eventi della vita.

C’è chi aspira al suicidio, poi c’è un’ex carcerata, un ragazzo con la sindrome di Asperger (Gabriele Dentoni) e una giovane atleta salentina (Cristel Caccetta) che coltiva il desiderio di partecipare ad una gara di canottaggio. Ed è proprio questo sogno che funge da motore alla storia. I personaggi si ritrovano a dover intraprendere un viaggio dalle tinte abbastanza colorite che li costringe in qualche modo ad affrontare le proprie paure, le disillusioni verso il futuro e i ricordi amari di errori compiuti nel passato. L’unione fa la forza, verrebbe da dire, e permette di guardarsi dentro attraverso gli occhi degli altri, scoprendo la capacità di reinventarsi come risorsa condivisa. Nuzzo-Di Biase raccontano la bellezza ritrovata dello stare insieme, seppur non necessariamente con qualcuno con cui si è in tutto e per tutto in sintonia, la gradevolezza di scoprire che oltre la frustrazione delle delusioni c’è sempre un motivo per cui vale la pena di riprovare a mettersi in gioco.

Vengo anch'io - Out out magazine (2).jpg

Ai protagonisti non importa di sbagliare, eventualmente di barare per poter vincere, ma si accontentano di partecipare. Se la ricompensa è trovare una famiglia nella quale poter ritrovare il proprio equilibrio, allora ne vale la pena. Una gara sportiva, una sconfitta decisamente singolare, e la capacità di sapere guardare e saper apprezzare ciò che si ha: è la ricompensa per essere stati capaci di azzardare un cambiamento. Il duo comico si avvale di un linguaggio schietto e umoristico, coinvolgendo lo spettatore in un susseguirsi di sketch irriverenti e paradossali. Il film sarà nelle sale  a partire dall’8 marzo.

Rispondi