Touch Me Not vince l’Orso d’oro, Wes Anderson l’Orso d’argento

di Chiara Maciocci

berlinale, outoutmagazine, 2.JPG

Lo scorso weekend si è conclusa la 68esima edizione della Berlinale, lo storico festival internazionale del cinema di Berlino. A stupire è stata la cospicua assenza di talenti germanici dalla lista dei vincitori, nonostante ci fossero ben quattro titoli tedeschi di rilievo in lizza per i premi più ambiti.

L’Orso d’oro, il premio principale del Festival, è stato vinto dal film Touch Me Not della regista rumena Adina Pintillie, la prima volta alla regia in un’insolita esplorazione dell’intimità sessuale di una donna alle prese con il suo corpo. La vittoria sembra aver colto di sorpresa la Pintillie, la quale ha affermato che non se l’aspettava minimamente, evidenziando inoltre l’importanza del soggetto del film e la sua sfida alle percezioni della bellezza socialmente accettate.

berlinale, outoutmagazine, 3.JPG

L’Orso d’argento per la miglior regia è stato vinto da Wes Anderson per Isle of Dogs, il suo ultimo film d’animazione in stop motion che proprio alla Berlinale è stato presentato in anteprima mondiale. Ad accettare il premio al posto di Anderson, che non ha potuto partecipare alla cerimonia, è stato l’attore Bill Murray (in veste di doppiatore del cane Boss in Isle of Dogs), il quale nel ritirare la statuetta ha esclamato: “Non avrei mai pensato di fare la parte di un cane e di tornare a casa con un orso”. Murray ha infine elogiato il regista, definendolo un amante dei film che ha sempre onorato la storia del cinema nei suoi lavori.

Il premio alla carriera è stato consegnato all’attore americano Willem Dafoe, mentre The Heiresses del paraguaiano Marcelo Martinessi ha vinto il premio Alfred Bauer per le pellicole più innovative e il premio alla miglior attrice per la sua protagonista Ana Brun. Il film tratta della storia di una donna che riesce a reinventare se stessa dopo l’incarcerazione della compagna. Nell’accettare il premio il regista ha affermato che viviamo in una società conservatrice e che perciò significa molto vincere un premio per l’aver aperto nuove prospettive.

Ecco la lista completa dei vincitori:

Miglior film

Touch Me Not, Adina Pintilie

Premio speciale della giuria

Twarz, Malgorzata Szumowska

Miglior regista

Wes Anderson, Isle Of Dogs

Miglior attrice

Ana Brun, The Heiresses

Miglior attore

Anthony Bajon, La Prière

Miglior sceneggiatura

Manuel Alcalá e Alonso Ruizpalacios, Museo

Premio per il miglior contributo artistico

Elena Okopnaya, costumi e production design in Dovlatov

Miglior documentario

Waldheims Walzer, Ruth Beckmann

Miglior documentario, menzione speciale

Ex Pajé, Luiz Bolognesi

Miglior esordio

Touch Me Not, Adina Pintile

Miglior esordio, menzione speciale

An Elephant Standing Still, Bo Hu

Miglior cortometraggio

The Men Behind The Wall, Ines Moldavsky

Miglior cortometraggio, premio della giuria

Imfura, Samuel Ishimwe

Premio Alfred Bauer

The Heiresses, dir: Marcelo Martinessi

Orso d’oro alla carriera

Willem Dafoe

Rispondi