50 sfumature di rosso, finalmente siamo giunti alla fine!

di Cristina Peretti

50 sfumature out out 1.jpg

È giunta al termine la Saga di 50 sfumature: uscirà, infatti, l’8 Febbraio, nelle sale italiane, l’ultimo sequel dell’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di E.L James, Fifty Shades Freed, 50 sfumature di rosso, diretto da James Foley.

“Ana, vuoi sposarmi?”. Così si era concluso 50 sfumature di nero, secondo capitolo della trilogia:  segreti di Christian erano stati svelati, Anastasia era uscita dal suo guscio di insurezze, il desiderio di dominazione aveva lasciato il posto all’amore. Apparentemente Ana e Christian non avevano più niente da offrire al pubblico. Ma a quanto pare il regista e la stessa E.L James la pensavano diversamente. In questo terzo e conclusivo sequel si riaprono, ancora una volta, vecchie ferite. Il passato continua a perseguitare la giovane coppia, che, appena sposata, si trova di fronte ad altre difficoltà.

50 sfumature out out 2.jpg

Nuovi dubbi e nuove insicurezze nascono in Ana, che dalla dolce e ingenua ragazzina del primo capitolo si è trasformata in una donna forte e decisa, una crescita emotiva confermata dalla stessa Dakota Johnson, per la quale il primo film è stato un trampolino di lancio: “Anastasia all’inizio è una giovane donna relativamente ingenua e non particolarmente preoccupata della sua sua vita amorosa o del suo aspetto fisico o della sua posizione sociale; è più interessata all’educazione e alla realizzazione di sé dal punto di vista professionale. Incontrando Christian le cose diventano ingarbugliate finendo per diventare una donna forte che scopre che forse le sue preferenze sessuali sono più simili a quelle di Christian di quanto non avesse inizialmente immaginato”. L’intera trama viene svelata dal trailer, in cui è annunciata anche la gravidanza della protagonista, forse l’unico evento che avrebbe saputo un po’ scuotere gli animi degli spettatori. Essendo un adattamento avranno pensato che la notizia non fosse una novità, ma mio parere l’effetto sorpresa non avrebbe guastato.

50 sfumature out out 3.jpg

Le scene iniziali ci raccontano il matrimonio e la luna di miele in Europa. Le dinamiche sono sempre le stesse: scenari da favola, ricche cene, regali sfarzosi, passeggiate romantiche, un idillio che viene turbato dalla costante gelosia  di Christian. Mania di controllo che cresce in seguito alle continue minacce di Jack Hyde, ex capo di Anastasia uscito di prigione.  Ana si lamenta, ma in fondo le piace, lo prende come un gioco e sfida la pazienza di suo marito. In un mix di scene soft erotiche, buttate a caso qua e la e di un tentato inserimento di atmosfere thriller, tutto accompagnato da dialoghi poveri e superficiali, 50 sfumature forse un lato positivo ce l’ha: ha fatto nascere tra il pubblico italiano la curiosità sulla pratica del bondage, un mondo inesplorato qui in Italia e soffocato da taboo sociali. Forse Anastasia e Christian possono essere un piccolo spiraglio di libertà dal mutismo sessuale in cui la società italiana si trova rinchiusa da anni.

Rispondi