TWIN PEAKES TRA I MIGLIORI FILM DEL 2017 SECONDO LE CAHIERS DU CINÉMA E SIGHT & SOUND: PROVOCAZIONE O DATO DI REALTÀ?

di Cristina Cuccuru

Twin Peaks 3 - OutOutMagazine 1.jpg

Come ogni anno, dicembre è il mese dei bilanci, seppur nel periodo natalizio ancora molte pellicole devono fare il loro ingresso nelle sale cinematografiche. Le prime due riviste a stilare la propria classifica sui migliori film del 2017 sono state l’inglese Sight & Sound e la francese Cahiers du Cinéma.

Queste due importanti testate hanno così espresso le loro opinioni, trovandosi in accordo su alcune cose e in disaccordo su altre, ma c’è una cosa importante che le accomuna: entrambe hanno inserito tra le preferenze una serie tv, piazzandola rispettivamente al secondo e al primo posto delle loro graduatorie e scatenando così l’accusa di provocazione. Questa serie tv, altro non è che la tanto attesa terza stagione di Twin Peaks.

Twin Peaks 3 - OutOutMagazine 2.jpg

Ideata da David Lynch e Mark Frost come un lungometraggio di 18 ore e presentato in anteprima al Festival di Cannes, il ritorno di Twin Peaks 3 dopo 25 anni dall’ultima messa in onda, presenta una qualità tecnica tra le più innovative degli ultimi tempi, una sperimentazione che ha ulteriormente alzato l’asticella delle aspettative, a cui già tante altre serie tv hanno recentemente contribuito, tanto da spingere sempre più produzioni e attori di Hollywood e non, a volersi cimentare nel lavoro per il piccolo schermo. Twin Peaks 3 ne è infatti la prova, in quanto vanta la presenza, per quanto riguarda il cast artistico, di numerosissimi attori provenienti da ogni tipo ambiente e molto noti anche al pubblico meno preparato.

Insomma, di fatto quello di cui si parla è un piccolo schermo, ma l’ambizione che ormai emerge dalle produzioni televisive non è da meno rispetto a quelle cinematografiche. Manca solo che le serie tv vengano proiettate nelle sale… ah no, aspettate: lo scorso novembre a Londra è stata organizzata una proiezione nelle sale, della durata di 63 ore, di Game of Thrones e probabilmente non sarà un evento unico. Caro vecchio cinema, lo senti il fiato sul collo?

Rispondi