Indovina chi: Scarecrows

XXXVII Edizione del Fantafestival – di Laura Pozzi

scarecrows-outoutmagazine2.jpg

Fra le varie anteprime proposte all’XXXVII edizione del Fantafestival, in corso a Roma in questi giorni, fa capolino un piccolo horror canadese che si diverte non poco a giocare con illustri predecessori.

Il film si presenta come il più classico dei teen movie che vede protagonisti quattro giovani in piena tempesta ormonale, che nel bel mezzo di una scorribanda si trovano con l’auto in panne e zero soluzioni. Per ingannare il tempo, non trovano di meglio da fare che dar sfogo ai loro impulsi ed esplorare il territorio circostante, che si identifica con un immenso campo di granturco popolato da strane presenze riconducibili a degli spaventapasseri dall’identità poco chiara  e che dei corvi affamati non tardano a confermare.

In realtà, l’efficace sequenza d’apertura che vede un losco individuo armato di falce, trascinare uno di essi per issarlo nel campo, fa già intuire dove lo stuzzicante filmetto vuole condurci e se si decide di stare al gioco, non dando troppo peso alla prevedibilità, la visione può risultare persino godibile. Nulla di memorabile sia chiaro, ma sicuramente una pellicola in linea con le tendenze di un festival che non ha mai nascosto una particolare predilezione per l’aspetto ludico che caratterizza gran parte dei film presenti.

scarecrows-outoutmagazine1.jpg

Un prodotto che molto probabilmente non troverà mai distribuzione, ma che è opportuno segnalare per gli amanti del genere e per tutti quelli che vogliono cimentarsi nell’inevitabile giochino del già visto. Si perché molte sequenze e situazioni non possono che richiamare alla mente film entrati di fatto nel nostro immaginario. E che è sempre un piacere ritrovare, purché non si cada nel tranello di prendersi troppo sul serio.

Cosa che questo film riesce ad evitare, ma fino ad un certo punto perché è giusto sottolineare che alcune soluzioni registiche fanno centro, come l’inquietante scena finale che non lascia spazio a nessuna speranza, al pari di una storia vera, accaduta in qualche angolo sperduto del pianeta.

Rispondi