All by myself: Amori che non sanno stare al mondo

di Laura Caporusso

Amori che non sanno stare al mondo_Lucia Mascino 1 OutOut.jpg

Non una classica commedia d’amore, bensì un percorso all’interno della mente femminile dopo la fine di una relazione tormentata, burrascosa e intensa. Claudia (Lucia Mascino) è costretta a confrontarsi con sé stessa sul perché la sua relazione con Flavio (Thomas Trabacchi) sia finita; deve affrontare la realtà di incontrarlo sul posto di lavoro, a passeggio per la città. Affrontare i ricordi della loro storia d’amore che, senza preavviso, si riaffacciano nella sua testa provocandole dolore e tristezza.
Per la prima volta abbiamo un protagonista diverso: non una “banale” storia d’amore ma l’inconscio femminile, fatto di domande senza risposta, paure, debolezze, ansie. Claudia è totalmente distrutta e non sa darsi pace: lei ama ancora Flavio, e rendersi conto di non essere più corrisposta le fa ancora più male.

Amori che non sanno stare al mondo 2 OutOut.jpg

Flavio, dal canto suo, sembra esserne uscito indenne dalla fine della relazione e prosegue la sua vita di sempre. Sembra completamente disinteressato, se non fosse che, nella sua testa, l’immagine di Claudia continui a tornare facendogli intavolare discorsi sulla propria vita privata.

Esistono amori che sembrano destinati a non incontrarsi mai: Claudia e Flavio rientrano in questa categoria. Entrambi continueranno ad amarsi, a cercare di nascosto lo sguardo dell’altro, a pensarsi e immaginare cosa direbbe l’altro: eppure la vita deve andare avanti, e le loro vite non possono intrecciarsi.

Amori che non sanno stare al mondo 3 OutOut.jpg

Francesca Comencini riesce, come al solito, a dosare ironia e filosofia all’interno della stessa trama, suscitando nello spettatore ilarità, risate amare, riflessioni. La regista affronta un tema delicato, ovvero sia la confusione che una donna può provare alla fine di una relazione tormentata: i continui monologhi interiori dei protagonisti, il loro rimanere in silenzio eppure comunicare attraverso gli occhi, il cercarsi e il loro essere a disagio nel parlare nuovamente dopo mesi di silenzio: è tutto perfettamente “reale”. In Amori che non sanno stare al mondo c’è tutta la crudeltà della realtà odierna, c’è il sarcasmo e l’ironia che uomini e donne devono affrontare alla fine di una storia d’amore.

Claudia è ognuno/a di noi, in grado di risollevarsi da sola e capace di ritornare alla propria vita di tutti i giorni lasciandosi il passato alle spalle: “in fondo, anche i Beatles si sono lasciati.”.

Ottima interpretazione di Lucia Mascino e Thomas Trabacchi, e ottima regia della Comencini.

Rispondi