Last Flag Flying : Semper fidelis

in Concorso Festival del Cinema di Roma – di Laura Caporusso

Last Flag Flying 1 OutOut.jpg

Trent’anni dopo la guerra del Vietnam, l’ex medico dei Marines Larry Shepherd incontra nuovamente i suoi compagni d’armi Sal Nealon e Richard Mueller, per chiedere loro aiuto nel seppellire suo figlio Larry Jr rimasto ucciso durante una campagna di guerra in Iraq.

L’obiettivo di Larry “Doc” Shepherd è di riportare suo figlio a casa sua, sulla East Coast: i tre intraprenderanno così un viaggio nel quale si ritroveranno a condividere i momenti trascorsi insieme sul campo di battaglia e riportando a galla episodi tenuti nascosti nelle loro menti, ritrovando però un’amicizia mai spenta.

Last Flag Flying 2 OutOut.jpg

Steve Carrell, Brian Cranston e Lawrence Fishburne creano, insieme, una magia dai contorni tragicomici, dando vita a situazioni paradossali, dialoghi a dir poco surreali e alleggerendo quello che è il tema centrale del film: la morte di un figlio.

Last Flag Flying 3 OutOut.jpg

Steve Carrell ha dimostrato di essere un ottimo interprete (anche se con Foxcatcher aveva dato grande prova di abilità nel recitare in un ruolo drammatico), perfetto nei panni di un uomo impacciato e pauroso nei confronti della vita, costretto a dover fare i conti con la crudeltà della vita; Brian Cranston risulta essere l’elemento di rottura che alleggerisce il film, donando una vena comica ed esilarante, ma che riesce comunque a essere una forte spalla a cui aggrapparsi nel momento del bisogno; Lawrence Fishburne è l’elemento spirituale che vede nella preghiera e in Dio l’unico modo per risollevarsi dai dolori. Insieme si viene a creare un’atmosfera rilassata ma comunque piena di significato, in grado di farti cambiare idea sull’occupazione americana dell’Iraq.

Lo stesso Carrell non esita a esprimere i suoi dubbi riguardo la serietà dello Stato Americano, pensando a come potrebbe sentirsi il Presidente Bush se gli avessero ammazzato una delle sue figlie.

Emozioni e risate fanno da contorno a questo nuovo film di Linklater, in concorso alla Festa del Cinema di Roma.

Rispondi