“Nuove mappe del Paradiso”: l’autobiografia “ucronica” di Makkox

Le vignette politiche (e non) di Marco- Makkox- Dambrosio trovano spazio nella sua autobiografia “Nuove mappe del Paradiso”. Un’opera piena di ricordi senza tempo, passati e presenti, che lui stesso descrive “ucronica”.

“Via Gemito” di Domenico Starnone torna nelle librerie in una nuova edizione Einaudi

Vincitore del Premio Strega nel 2001, a distanza di 20 anni il romanzo semi autobiografico dello scrittore napoletano è riletto alla luce della contemporaneità e del momento difficile che il mondo intero si trova ad affrontare. L’attualità del personaggio di Federì è forte oggi come allora. 

Andreose e la sua “Voglia di libri”, un elegante affresco dell’editoria italiana

Dopo il successo di Uomini e libri (2015) Mario Andreose torna nelle librerie con Voglia di libri, un ritratto unico quanto personale dell’età dell’oro dell’industria editoriale, da lui vissuta in prima persona. Dall’alto dei suoi “sessant’anni d’incantato apprentissage”, come lui stesso definisce la lunga e inimitabile carriera di figure del calibro di Umberto Eco, Andreose ci accompagna con sublime raffinatezza in un mondo ormai dimenticato, che ci appare distante anni luce.

Nuovi corpi umani ritrovati a Pompei

L’ultimo ritrovamento nel Parco Archeologico di Pompei risale al 2018, quando vennero alla luce i resti di tre cavalli. All’interno dello stesso complesso, ovvero la villa suburbana di Civita Giuliana o “Villa del Sauro Bardato” in onore dei precedenti ritrovamenti, sono stati recentemente rinvenuti due resti umani.

Giambattista Piranesi torna in vita grazie ad un’app del Parco del Colosseo

Sono passati 300 anni dalla nascita di Giambattista Piranesi (Mogliano Veneto 1720 – Roma 1778), e per celebrarlo il Parco del Colosseo ha sviluppato un’applicazione per smartphone in grado di mostrare Roma con gli occhi del grande incisore.

Stanley Kubrick e quella lettera a Pasternak: storia di un capolavoro mancato

Quando si parla de Il dottor Živago, la memoria corre al 1965 e al film diretto da David Lean. Vincitrice di due David di Donatello, ben cinque Golden Globe e altrettanti Oscar, la celebre pellicola è tratta dall’omonimo romanzo (1957) di Boris Pasternak, al quale garantì l’anno successivo la conquista di un Nobel per la Letteratura, da lui stesso rifiutato. Quello che però in pochi sanno, è che proprio Stanley Kubrick fece il possibile per acquistarne i diritti cinematografici già alla fine degli anni ‘50.